Tecnologo e Tecnologa dei materiali

Scienziato dei Materiali

Carta d'identità
Chi è?

Il TECNOLOGO DEI MATERIALI è la figura professionale che ricerca e studia, attraverso metodiche chimiche, fisiche e meccaniche, le strutture e le proprietà dei materiali.

Il suo obiettivo è, infatti, quello di: sviluppare materiali nuovi o innovativi sia funzionali che strutturali (es. elettronici, magnetici, per usi energetici, catalitici e ambientali), migliorare quelli esistenti e determinarne la conformità secondo gli specifici standard di riferimento.

Valuta l’interazione dei materiali con l’ambiente, la salute, l’economia e l’industria e fornisce indicazioni sul loro trattamento.

Quali norme regolano la professione?

L’abilitazione alla professione è disciplinata dal “DPR 328/2001 - Capo VII (Valore delle classi di laurea)”.

Per esercitare la professione è necessario superare l’Esame di Stato e iscriversi all’appropriato Albo Nazionale.

Con la Laurea Triennale è possibile iscriversi alla sezione B e acquisire il titolo di Chimico Junior, mentre la Laurea Specialistica consente di iscriversi alla sezione A dell’Albo degli Ingegneri Industriali e ottenere così il titolo di Ingegnere.L’obbligo del conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione, con il superamento dell’Esame di Stato, esiste solo per lo svolgimento della libera professione e per l’inserimento in alcune attività pubbliche o private se, queste ultime, sono regolamentate da leggi specifiche.

Il Consiglio Nazionale dei Chimici ha elaborato un codice deontologico per l’esercizio della professione (http://www.chimici.it/cnc/fileadmin/figura/codice_deontologico.pdf).

Figure professionali di prossimità

Chimico Industriale, Chimico Ricercatore, Fisico, Ingegnere Industriale

Livello EQF

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici

Carta d'identità
Carta di Identita

Il TECNOLOGO DEI MATERIALI è la figura professionale che ricerca e studia, attraverso metodiche chimiche, fisiche e meccaniche, le strutture e le proprietà dei materiali.

Il suo obiettivo è, infatti, quello di: sviluppare materiali nuovi o innovativi sia funzionali che strutturali (es. elettronici, magnetici, per usi energetici, catalitici e ambientali), migliorare quelli esistenti e determinarne la conformità secondo gli specifici standard di riferimento.

Valuta l’interazione dei materiali con l’ambiente, la salute, l’economia e l’industria e fornisce indicazioni sul loro trattamento.

Dove Lavora

Il TECNOLOGO DEI MATERIALI può lavorare in:

Aziende private

 

industrie manifatturiere, meccaniche, chimiche, estrattive e delle costruzioni di grandi e medie dimensioni

 

 

Laboratori privati di analisi

 

strutture in cui si effettuano sia analisi chimiche che meccaniche su richiesta, talvolta altamente specializzate dal punto di vista merceologico, sia attività di ricerca

 

 

Laboratori e centri di ricerche pubbliche

 

laboratori universitari e centri che svolgono, promuovono, diffondono l’attività di ricerca e la trasferiscono alle imprese private

 

 
AZIENDE PRIVATE

Può trovare collocazione in differenti funzioni aziendali: Ricerca e Sviluppo, Sicurezza-Salute e Ambiente, Controllo di Qualità, Marketing e Commerciale. Lavora con autonomia nel rispetto degli standard dell’azienda e della normativa, rispondendo ai responsabili delle singole aree.

LABORATORI PRIVATI DI ANALISI

Può lavorare nella realizzazione di analisi e refertazione, nell’area della Ricerca e Sviluppo, del Controllo di Qualità e della Certificazione.

LABORATORI E CENTRI DI RICERCA PUBBLICI

È prevalentemente impegnato in attività di ricerca e di trasferimento innovativo in azienda.

Percorso Formativo
Formazione e sviluppo professionale
C'è un percorso formale?

C'è un percorso formale?

Per accedere alla professione di TECNOLOGO DEI MATERIALI è indispensabile conseguire la Laurea Magistrale in Scienza dei Materiali presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali.

Il corso di laurea triennale in scienza e tecnologia dei materiali, attivo presso la Facolta SMFN, rappresenta il percorso iniziale, che consente l'accesso alla preparazione specialistica.

La preparazione potrà essere approfondita con corsi specialistici e master.L’esperienza maturata sul campo permetterà di acquisire competenze e conoscenze relativamente a specifici comparti produttivi.

C'è un percorso consigliato?

Corsi di laurea triennali

Corsi di laurea magistrali

Per accedere alla professione di TECNOLOGO DEI MATERIALI è indispensabile conseguire la Laurea Magistrale in Scienza dei Materiali presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali.

Il corso di laurea triennale in scienza e tecnologia dei materiali, attivo presso la Facolta SMFN, rappresenta il percorso iniziale, che consente l'accesso alla preparazione specialistica.

Come si sviluppa la carriera?

Il TECNOLOGO del MATERIALI spesso si specializza in specifici ambiti di ricerca (materie plastiche, metalli, ecc.). Nell’arco della sua carriera può ampliare le proprie responsabilità rispetto alle funzioni di coordinamento. Inoltre, se iscritto all’Albo, può lavorare autonomamente come consulente per aziende industriali.

Naviga

Scarica