Restauratore e Restauratrice

Restauratore
Chi è?

Il RESTAURATORE di beni culturali è il professionista che definisce lo stato di conservazione e mette in atto un complesso di azioni dirette e indirette per limitare i processi di degrado dei materiali costitutivi dei beni e assicurarne la conservazione, salvaguardandone il valore culturale. Svolge inoltre attività di documentazione, ricerca, sperimentazione, divulgazione nel campo della conservazione dei Beni Culturali.

Quali norme regolano la professione?

La figura del RESTAURATORE di beni culturali è chiaramente definita dalla normativa vigente, a partire dal Codice dei Beni Culturali (D.Lgs. 42/04), fino ad arrivare al Regolamento emanato con Decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali n. 86 del 26 maggio 2009.

 

Il titolo di Laurea Magistrale Abilitante in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (classe LMR/02) conseguito al termine dei cinque anni dà diritto all'inserimento nell'Elenco dei Restauratori di Beni Culturali, previsto dal Codice dei Beni Culturali (D.Lgs. 42/2004 art. 182 co. 1-bis).

Per maggiori informazioni si vedano le  Linee guida applicative dell’articolo 182 del Codice dei Beni culturali e del Paesaggio (http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1409838432762_Linee_guida_art._182_Codice_dei_beni_culturali.pdf)

Figure professionali di prossimità

Archivista, Bibliotecario, Archeologo, Esperto in diagnostica dei beni culturali, Storico dell’arte

Livello EQF

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici

Restauratore
Carta di Identita

Il RESTAURATORE di beni culturali è il professionista che definisce lo stato di conservazione e mette in atto un complesso di azioni dirette e indirette per limitare i processi di degrado dei materiali costitutivi dei beni e assicurarne la conservazione, salvaguardandone il valore culturale. Svolge inoltre attività di documentazione, ricerca, sperimentazione, divulgazione nel campo della conservazione dei Beni Culturali.

Dove Lavora

Il RESTAURATORE può lavorare in:

Laboratori ed imprese di restauro operano sulla conservazione ed il restauro di beni  culturali.  Si tratta spesso di soggetti qualificati a svolgere anche lavori pubblici, che hanno conseguito specifiche certificazioni (es. SOA).
Istituzioni del Ministero dei Beni e Attività Culturali preposti alla tutela dei Beni Culturali soprintendenze, musei, biblioteche, archivi, ecc.
Aziende ed organizzazioni professionali del settore per maggiore dettaglio a riguardo si rimanda alla sezione "INFO"
Istituzioni ed Enti di ricerca pubblici e privati operanti nel settore della conservazione e restauro dei beni culturali Università, CNR, INF, ecc.
Percorso Formativo
Formazione e sviluppo professionale
C'è un percorso formale?

Per accedere alla professione di RESTAURATORE è necessarioconseguire il titolo di laurea magistrale in Conservazione e restauro dei beni culturali - abilitante ai sensi del D.Lgs n.42/2004 - (LMR/02).

Il percorso formativo interdisciplinare si basa su materie umanistiche, scientifiche e tecniche e prevede l'approfondimento delle tecniche artistiche viste anche nel loro contesto storico, dei materiali e metodi per la loro conoscenza e conservazione, e del controllo e prevenzione dei processi di degrado.

L’offerta formativa tiene conto di una pluralità di percorsi formativi (attivabili o meno a seconda delle opportunità). L’Università di Torino offre i seguenti percorsi:

  1. Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura
  2. Manufatti dipinti su supporto ligneo e tessile Manufatti scolpiti in legno Arredi e strutture lignee Manufatti in materiali sintetici lavorati, assemblati e/o dipinti
  3. Materiali e manufatti tessili e pelle
  4. Materiali e manufatti ceramici e vitrei Materiali e manufatti in metallo e leghe

 

il DM 87/2009, tuttavia, prevede anche i seguenti percorsi (non offerti dall’Università di Torino)

  1. Materiale librario e archivistico - Manufatti cartacei e pergamenacei - Materiale fotografico, cinematografico e digitale
  2. Strumenti musicali - Strumentazioni e strumenti scientifici e tecnici

Per ulteriori e più precise informazioni si rimanda, quindi, al sito del corso di laurea offerto dall’Università di Torino (http://www.unito.it/didattica/offerta-formativa/corsi-di-studio/corsi-di-studio-tipologia)

C'è un percorso consigliato?
Come si sviluppa la carriera?

Interessanti occasioni occupazionali sono legate anche a settori di nicchia come il restauro di manufatti tessili o manufatti in ceramica, vetro e metalli. Sono frequenti anche le opportunità di lavoro all’estero dove i restauratori italiani sono molto apprezzati per la loro preparazione professionale.

Naviga

Scarica