Biotecnologo e Biotecnologa

Carta d'identità
Chi è?

Il BIOTECNOLOGO analizza, progetta e modifica le strutture e i sistemi biologici cellulari e molecolari applicando specifiche tecnologie che agiscono sulla loro costituzione chimica con l’obiettivo di migliorarne le prestazioni, di produrre sostanze farmacologicamente attive, di migliorare le condizioni ambientali e di vita di uomini ed animali.

I campi di applicazione possono essere svariati: allevamento, genetica, nutrizione e riproduzione animale, industria alimentare, farmacologia, condizionamento delle derrate alimentari, produzione di sieri e vaccini, bioingegneria, salvaguardia ambientale.

Quali norme regolano la professione?

Nessuna norma regola la professione.

Esiste un Albo Professionale Associativo (in ottemperanza alla normativa su Ordini, Collegi ed Albi Professionali relativa a Professioni Regolamentate) istituito dall’ANBI - Associazione Nazionale dei Biotecnologi Italiani. Consultare il sito: http://biotecnologi.org

Figure professionali di prossimità

Tecnologo alimentare, Enologo.

Livello EQF

VI livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al primo ciclo dei titoli accademici

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici

Carta d'identità
Carta di Identita

Il BIOTECNOLOGO analizza, progetta e modifica le strutture e i sistemi biologici cellulari e molecolari applicando specifiche tecnologie che agiscono sulla loro costituzione chimica con l’obiettivo di migliorarne le prestazioni, di produrre sostanze farmacologicamente attive, di migliorare le condizioni ambientali e di vita di uomini ed animali.

I campi di applicazione possono essere svariati: allevamento, genetica, nutrizione e riproduzione animale, industria alimentare, farmacologia, condizionamento delle derrate alimentari, produzione di sieri e vaccini, bioingegneria, salvaguardia ambientale.

Dove Lavora

Il BIOTECNOLOGO può lavorare in:

INDUSTRIA
  • Settore alimentare
  • Settore chimico e farmaceutico
  • Settore biochimico ed energetico
  • Settore agricolo e zootecnico
UNIVERSITÀ E ENTI DI RICERCA PUBBLICI E PRIVATI
  • Centri di ricerca
  • Laboratori
SISTEMA SANITARIO E VETERINARIO
  • Istituti sanitari pubblici e privati
  • Laboratori di analisi cliniche
INDUSTRIA ALIMENTAREIl BIOTECNOLOGO lavora nella produzione di ingredienti di base, coadiuvanti o prodotti finiti, nel controllo di bevande ed alimenti (dal ciclo produttivo alla somministrazione) ma anche nella progettazione e gestione di strumenti quali, ad esempio, fermentatori e bioreattori.

INDUSTRIA CHIMICA E CHIMICO-FARMACEUTICA
Si tratta di progettazione di sostanze farmacologicamente attive e di studio e progettazione di strumenti innovativi per eradicare malattie, per effettuare diagnosi il più possibile precoci e per affrontare, con metodologie che vanno evolvendosi, problemi di terapia risolvibili mediante interventi di ingegneria genetica (terapia genica) e cellulare (impiego di bioreattori).

INDUSTRIA BIOCHIMICA E SETTORE ENERGETICOIl BIOTECNOLOGO può operare presso strutture ed impianti produttivi per la realizzazione di prodotti per via fermentativa e la gestione di servizi di monitoraggio e recupero ambientale in strutture di trattamento e smaltimento rifiuti.

INDUSTRIA AGRICOLA E ZOOTECNICA
Per la produzione di beni e servizi utili a migliorare l’agricoltura e a potenziarne il rendimento o a valorizzarne la differenziazione salvaguardandone l’integrità. La conoscenza della genetica e della biologia molecolare permette di intervenire e monitorare i processi fisiopatologici degli organismi vegetali.

ISTITUTI E CENTRI DI RICERCAIl BIOTECNOLOGO può essere in team di ricerca multidisciplinari in campo chimico, biologico e medico

SISTEMA SANITARIO MEDICO E VETERINARIO
Il BIOTECNOLOGO può essere impiegato con molteplici funzioni nei laboratori di analisi e monitoraggio.

Percorso Formativo
Formazione e sviluppo professionale
C'è un percorso formale?

E’ necessario acquisire una laurea triennale in BIOTECNOLOGIE

C'è un percorso consigliato?

E’ consigliata la prosecuzione del percorso di studi acquisendo la Laurea Magistrale (biotecnologie molecolari, biotecnologie mediche, biotecnologie industriali, biotecnologie vegetali, biotecnologie veterinarie, biotecnologie agrarie)

Come si sviluppa la carriera?

La carriera del BIOTECNOLOGO è fortemente legata al tipo di contesto nel quale opera.

In ambito pubblico si tratterà di un percorso regolato dalla normativa e dai concorsi via via indetti sulle diverse posizioni. In ambito privato (industria o altre strutture) la carriera è regolata da norme interne e da accordi contrattuali. In generale, all’aumentare delle responsabilità corrisponde un miglioramento della propria posizione contrattuale.

Naviga

Scarica

Video