Biologo e Biologa specialista in biomonitoraggio e valutazione del rischio

Carta d'identità
Chi è?

Il BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO è la figura professionale che analizza i processi biologici che si verificano nell’aria, nell’acqua o nel suolo anche in relazione agli interventi antropici. Impiega Bioindicatori e/o Bioaccumulatori viventi studiandone le risposte biologiche evidenziate dall’alterazione fisiologica. Opera con finalità di prevenzione, conservazione e/o bonifica dell’ambiente e a tutela della salute umana. A tal fine, nelle aziende, è spesso chiamato ad occuparsi anche degli aspetti legati alla sicurezza negli ambienti di lavoro.

Quali norme regolano la professione?

L’abilitazione alla professione è disciplinata dall’iscrizione all'Ordine dei Biologi in applicazione alla Legge 396/67.

Requisito per l'accesso all'Ordine Nazionale dei Biologi è costituito dal possesso del titolo accademico (la laurea in Scienze Biologiche ed, ai sensi del D.P.R. n. 328/01, alcuni altri titoli accademici) valido per sostenere l'esame di Stato di abilitazione alla professione di Biologo, e dal conseguimento dell'abilitazione stessa.

L’Ordine Nazionale dei Biologi ha, inoltre, elaborato un codice deontologico per l’esercizio della professione di Biologo (Approvato dal Consiglio nella seduta del 16 febbraio 1996) http://www.onb.it/leggi_normative_testo.jsp?t=4&lg=1&sub=21

Livello EQF

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici

Carta d'identità
Carta di Identita

Il BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO è la figura professionale che analizza i processi biologici che si verificano nell’aria, nell’acqua o nel suolo anche in relazione agli interventi antropici. Impiega Bioindicatori e/o Bioaccumulatori viventi studiandone le risposte biologiche evidenziate dall’alterazione fisiologica. Opera con finalità di prevenzione, conservazione e/o bonifica dell’ambiente e a tutela della salute umana. A tal fine, nelle aziende, è spesso chiamato ad occuparsi anche degli aspetti legati alla sicurezza negli ambienti di lavoro.

Dove Lavora

Il BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO può lavorare in:

Aziende private

 

industrie di differenti comparti industriali

 

Laboratori privati di analisi

 

strutture, specializzate nelle analisi ambientali, in cui si effettuano analisi biologiche

 

Laboratori e centri di ricerche pubbliche

 

laboratori universitari e centri che svolgono, promuovono, diffondono l’attività di ricerca e la trasferiscono alle imprese private

 

Enti Pubblici

 

enti locali, nazionali, ecc. che si occupano di protezione dell’ambiente, di pianificazione territoriale, di rilascio di autorizzazioni alla produzione, ecc.

 

Aziende private

Può trovare collocazione in differenti funzioni aziendali: Ricerca e Sviluppo, Sicurezza-Salute e Ambiente o Controllo di Qualità. Lavora con autonomia nel rispetto degli standard dell’azienda e della normativa, rispondendo ai responsabili delle singole aree.

Nelle aziende di più grandi dimensioni il BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO si occupa in modo specifico di ambiente, sviluppando, in sintonia con la direzione, strategie produttive capaci di dare un posizionamento più competitivo all’azienda.

In imprese di più piccola dimensione, spesso il BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO è chiamato ad occuparsi anche, o maggiormente, di questioni inerenti la sicurezza dei luoghi di lavoro.

Laboratori privati di analisi

Può lavorare nella realizzazione di analisi e refertazione, nell’area della Ricerca e Sviluppo, del Controllo di Qualità e della Certificazione.

LABORATORI E CENTRI DI RICERCA PUBBLICI

È prevalentemente impegnato in attività di ricerca e di trasferimento innovativo in azienda.

Enti pubblici

Segue dal punto di vista burocratico-amministrativo le differenti istruttorie tecniche per il rilascio di autorizzazioni e certificazioni; esegue attività di campo e laboratorio relative alle componenti biologiche degli ecosistemi, segue le procedure di valutazione d’incidenza ecologica e le procedure di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) per quanto concerne le componenti biotiche.

Percorso Formativo
Formazione e sviluppo professionale
C'è un percorso formale?

Per accedere alla professione di BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO, è indispensabile conseguire la Laurea Specialistica in Biologia dell’Ambiente.

C'è un percorso consigliato?

Corsi di laurea triennali

Corsi di laurea magistrali

Sebbene non sia esplicitamente richiesto dalle Aziende Private, è consigliabile essere iscritti all’Ordine dei Biologi. L’abilitazione alla professione è disciplinata dall’ iscrizione all'Ordine dei Biologi in applicazione alla Legge 396/67. Requisito per l'accesso all'Ordine Nazionale dei Biologi è costituito dal possesso del titolo accademico (la laurea in Scienze Biologiche ed, ai sensi del D.P.R. n. 328/01, alcuni altri titoli accademici) valido per sostenere l'esame di Stato di abilitazione alla professione di biologo, e dal conseguimento dell'abilitazione stessa.

Come si sviluppa la carriera?

Il BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO spesso si specializza in specifici ambiti di ricerca (acqua, aria, suolo, ecologia, alimenti, rifiuti, prevenzione primaria).

Nell’arco della sua carriera può ampliare le proprie responsabilità rispetto alle funzioni di coordinamento.

Inoltre, se iscritto all’Albo, può lavorare autonomamente come consulente.

Naviga

Scarica