Agronomo e Agronoma

Fitopatologo, Paesaggista, Floro-vivaista

agronomo
Chi è?

L’AGRONOMO offre consulenze tecniche o opera nell’ambito di processi produttivi agricoli, zootecnici, agroalimentari e del verde pubblico. Attraverso l’elaborazione di progetti basati sull’osservazione diretta e sullo studio delle migliori soluzioni ambientali, l’AGRONOMO opera a favore delle aziende agricole, dei gestori pubblici e privati del territorio agricolo, dei gestori delle aree verdi (parchi e giardini), dei trasformatori dei prodotti agro-alimentari. L’AGRONOMO è una figura professionale multidisciplinare e può occuparsi delle produzioni vegetali, della loro difesa, delle risorse naturali impiegate in agricoltura, della gestione di allevamenti, del miglioramento genetico agricolo, della valorizzazione dei prodotti agricoli, di problemi costruttivi e di meccanizzazione, delle valutazione economiche collegate.

Quali norme regolano la professione?

L’AGRONOMO può operare come libero professionista se è iscritto all’ALBO professionale dei Dottori Agronomi e Forestali (D.P.R 328/2001). L’iscrizione è obbligatoria per esercitare il diritto di firma su documenti a valenza pubblica.
Può chiamarsi Dottore AGRONOMO se iscritto alla sezione A dell’Albo oppura AGRONOMO JUNIOR se iscritto alla sezione B dell’Albo. In quest’ultimo caso le attività possibili sono ridotte ma comunque regolate dal D.P.R di riferimento.
I DOTTORI AGRONOMI dipendenti dello Stato o di altra pubblica amministrazione non necessitano di iscrizione all’Albo “quando esercitano la loro attività professionale nell’esclusivo interesse dello Stato o della pubblica amministrazione”. (art.3, comma 3, legge 152/1992).

Il codice deontologico di riferimento è stato aggiornato dal CONAF (Consiglio dell’Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Forestali) il 30 novembre 2006 ed è consultabile sul sito: www.agronomi.it.

Figure professionali di prossimità

Zoonomo, Esperto della difesa del suolo e manutenzione del territorio (Pedologo), Dottore Forestale, Zootecnico, Orticoltore

Livello EQF

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici.

agronomo
Carta di Identita

L’AGRONOMO offre consulenze tecniche o opera nell’ambito di processi produttivi agricoli, zootecnici, agroalimentari e del verde pubblico. Attraverso l’elaborazione di progetti basati sull’osservazione diretta e sullo studio delle migliori soluzioni ambientali, l’AGRONOMO opera a favore delle aziende agricole, dei gestori pubblici e privati del territorio agricolo, dei gestori delle aree verdi (parchi e giardini), dei trasformatori dei prodotti agro-alimentari. L’AGRONOMO è una figura professionale multidisciplinare e può occuparsi delle produzioni vegetali, della loro difesa, delle risorse naturali impiegate in agricoltura, della gestione di allevamenti, del miglioramento genetico agricolo, della valorizzazione dei prodotti agricoli, di problemi costruttivi e di meccanizzazione, delle valutazione economiche collegate.

Dove Lavora

L’AGRONOMO può lavorare in: 

aziende agricole, cooperative, consorzi che in un’ottica sempre più multifunzionale, offrono servizi che vanno dall’agricoltura sostenibile a quella biologica, all’artigianato, dalla valorizzazione  di prodotti animali e vegetali alla produzione di energia, ecc…  
aziende private di produzione di mezzi tecnici per le produzioni vegetali (fertilizzanti, fitofarmaci, fitoregolatori, ecc.)  che forniscono strumenti utili per tutto il percorso della filiera agro-alimentare (dalla produzione della materia prima al prodotto finito) e contribuiscono in modo determinante all’innovazione e allo sviluppo del settore  
aziende di produzione mangimistica che riforniscono gli allevamenti clienti in un’ottica di ottimizzazione delle diete animali  
aziende pubbliche come ad esempio, Regioni, Comuni, Enti locali, Enti Parchi, ecc., che si occupano dello sviluppo di regolamenti e gestiscono le politiche di sviluppo  
enti di certificazione che si occupano della verifica della conformità delle aziende alle normative cogenti e/o volontarie. Nel caso delle norme volontarie si faccia riferimento a: sistemi di certificazione di processo, di prodotto o di filiera  
vivai che vendono al minuto o all’ingrosso piante di diversa tipologia  
organizzazioni operanti nella Cooperazione internazionale per lo sviluppo dell’agricoltura e del settore agroalimentare nei paesi in via di sviluppo  
organizzazioni pubbliche, private o privati cittadini per lo sviluppo di progetti paesaggistici, aree verdi, giardini e parchi  
AZIENDE AGRICOLE, COOPERATIVE, CONSORZI

L’AGRONOMO può essere un agricoltore ma è generalmente un collaboratore esterno. Offre servizi di varia natura: consulenza per la progettazione di nuove tecniche di coltivazione, di costruzione e gestione innovativa di infrastrutture per i produttori, consulenza fiscale (riguardante la normativa sulla gestione dei contratti alle persone e la redazione dei registri contabili previsti dalla legge), consulenza commerciale, consulenza tecnica (come ad esempio per la predisposizione di piani alimentari, la gestione delle coltivazioni, la protezione delle colture e delle piante ornamentali, l’allevamento degli animali zootecnici), consulenza economica e legale e per la ricerca di finanziamenti nazionali e/o europei a supporto del settore agricolo. In diversi casi l’AGRONOMO opera come specialista in particolari settori: foraggicoltura, orticoltura, piante officinali, frutticoltura, florovivaismo.

AZIENDE PRIVATE DI PRODUZIONE DI MEZZI TECNICI E FITOFARMACI PER L’AGRICOLTURA ELA PRODUZIONE MANGIMISTICA

L’AGRONOMO è inserito in una struttura organizzativa complessa e lavora generalmente:

  • nell’area ricerca e sviluppo di nuovi prodotti (ad esempio prodotti fitosanitari, fertilizzanti, macchine operatrici, miscele mangimistiche;
  • nell’area marketing con l’obiettivo di promuovere e vendere i prodotti della propria azienda (mangimi, concimi, diserbanti, presidi fitofarmaceutici, macchinari per l’agricoltura, ecc…) ma anche di supportare i produttori nelle loro scelte;
  • nell’area controllo qualità.

Questo contesto di lavoro porta l’AGRONOMO ad operare a stretto contatto con ambienti agricoli ma anche zootecnici.

AZIENDE PUBBLICHE

L’AGRONOMO progetta e realizza interventi di pianificazione territoriale (i Piani Regolatori dei Comuni, i Piani Paesaggistici delle Regioni, i Piani d’Area degli Enti Parchi,la Valutazione Ambientale Strategica nazionale,la Valutazione di Impatto Ambientale locale); di tutela ambientale (prevenzione e monitoraggio degli inquinanti, applicazione di regolamenti di qualità ambientale); di sviluppo di nuove filiere di energia rinnovabile. In questo contesto può operare come consulente esterno oppure come Funzionario Pubblico.

ENTI DI CERTIFICAZIONE

L’AGRONOMO lavora nell’area del controllo qualità, effettua le visite ispettive presso le aziende del territorio per il rilascio delle certificazioni obbligatorie (tracciabilità interna e di filiera, etichettatura, ecc…) e, su richiesta, di quelle volontarie (ad esempio, di agricoltura biologica, ecc…).

VIVAI

L’AGRONOMO può operare presso vivai ricoprendo ruoli sia commerciali, sia di manutenzione delle piante e dei fiori, sia gestionali. A seconda del settore commerciale del vivaio vi possono essere delle specializzazioni di settore: piante officinali, frutticoltura, florovivaismo.

ORGANIZZAZIONI OPERANTI NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

L’AGRONOMO può operare nell’ambito della cooperazione internazionale come esperto nella ideazione e nella gestione di progetti ed azioni che coinvolgono l’ambito agricolo e le filiere agroalimentari. Il contesto è spesso quello delle ONG e si tratta di lavorare  presso strutture ed organizzazioni nei paesi in via di sviluppo.

PRESSO ORGANIZZAZIONI PRIVATE O PRIVATI CITTADINI

L’AGRONOMO può offrire servizi di progettazione di aree verdi quali giardini e parchi. In questo caso svilupperà azioni a favore della paesaggistica e della promozione del verde e farà anche uso di tecniche architettoniche ed artistiche.

Percorso Formativo
Formazione e sviluppo professionale
C'è un percorso formale?

L’iscrizione all’albo (che è obbligatoria SOLO nel caso della libera professione e per la firma di documenti a valenza pubblica) e l’ottenimento del titolo di AGRONOMO IUNIOR o di DOTTORE AGRONOMO è subordinata al superamento di un apposito Esame di Stato al quale si può accedere se si è in possesso di una laurea triennale o specialistica appartenente alle classi di laurea previste dal D.P.R 328/2001.

Ad oggi a Torino la Facoltà di riferimento è principalmente Agraria ma permettono di accedere all’Esame di Stato anche corsi di laurea afferenti alla Facoltà di Veterinaria e al Politecnico.

C'è un percorso consigliato?

Data la vastità di competenze richieste – relative non solo al settore agricolo ma anche zootecnico e forestale per l’ottenimento del titolo di AGRONOMO IUNIOR (con un titolo di laurea di primo livello) o di DOTTORE AGRONOMO (con un titolo di laurea di secondo livello) si consiglia un percorso formativo a più largo spettro possibile in cui vengano trattate le discipline inerenti tutti e tre i settori.

Come si sviluppa la carriera?

Le traiettorie di carriera possibili per l’ AGRONOMO (sia IUNIOR che DOTTORE) sono sia di tipo verticale e riguardano l’acquisizione di crescenti funzioni di coordinamento di team di lavoro eterogenei – sia di tipo orizzontale – dovute all’ampliarsi delle proprie competenze e attività offerte.

Naviga

Scarica

Video