Geografo e Geografa

Carta d'identità
Chi è?

Il GEOGRAFO studia e rappresenta l’organizzazione di un territorio nei suoi aspetti dinamici, umani e fisici. Analizza i processi e le modalità attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre assume una specifica configurazione in funzione dei diversi rapporti che vengono ad instaurarsi, nei periodi storici, tra l’uomo e l’ambiente. Traduce quindi le sue analisi in progetti di rappresentazione e di miglioramento di uno o più territori.

Quali norme regolano la professione?

La professione non è normata da particolari sistemi legislativi. Esiste, allo stato attuale, una certificazione europea (ECDL) che attesta l’acquisizione delle competenze nell’utilizzo degli strumenti GIS (Sistemi Informativi Territoriali).

Figure professionali di prossimità

Cartografo, Tecnico specialista in Sistemi Informativi Territoriali, Esperto di sviluppo locale, Geofisico, Ecologo, Geologo, Antropologo, Sociologo, Demografo, Statistico

Livello EQF

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici.

Carta d'identità
Carta di Identita

Il GEOGRAFO studia e rappresenta l’organizzazione di un territorio nei suoi aspetti dinamici, umani e fisici. Analizza i processi e le modalità attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre assume una specifica configurazione in funzione dei diversi rapporti che vengono ad instaurarsi, nei periodi storici, tra l’uomo e l’ambiente. Traduce quindi le sue analisi in progetti di rappresentazione e di miglioramento di uno o più territori.

Dove Lavora

Il GEOGRAFO può lavorare in:

Università, centri di studio e di ricerca e centri di monitoraggio, telerilevamento e cartografia pubblici e privati
Parchi, musei, centri espositivi pubblici e privati
   
Agenzie e studi di sviluppo territoriale si tratta di organizzazioni operanti nel campo delle politiche di sviluppo territoriale e dello sviluppo sostenibile
Istituzioni governative e pubblica amministrazione internazionali, nazionali, regionali e locali
Organizzazioni internazionali di cooperazione allo sviluppo pubbliche e private
Società editoriali e di documentazione geografica case editrici e media specializzati
Università, Centri di studio e di ricerca e centri di monitoraggio, telerilevamento e cartografia

In queste organizzazioni gli obiettivi principali sono l’analisi e il monitoraggio di ambienti, territori e paesaggi in spazi più o meno estesi e secondo il loro sviluppo storico. Gli elementi analizzati e monitorati possono essere molteplici.

Parchi, musei, centri espositivi

In queste istituzioni – e in particolare entro tipologie museali innovative, quali musei diffusi, musei del paesaggio e del territorio, ecomusei - il geografo può operare, in collaborazione con altre figure professionali, alla progettazione e gestione di attività di tutela, gestione e valorizzazione del paesaggio come patrimonio territorialmente diffuso.

Agenzie e studi di sviluppo territoriale

Si tratta di organizzazioni multidisciplinari che operano a favore della valorizzazione di alcuni territori gestendo diversi fattori fra loro interagenti: elementi culturali, paesaggistici, geografici, sociali…

Istituzioni governative e pubblica amministrazione

Operano per la pianificazione territoriale, la tutela e gestione dell'ambiente, la tutela e valorizzazione delle risorse paesistiche e storico-culturali, le politiche di sviluppo territoriale. Le istituzioni governative offrono attività di consulenza per la localizzazione di attività pubbliche e private, la predisposizione, la realizzazione e la valutazione di programmi e progetti di sviluppo territoriale, nei Paesi avanzati come in quelli in via di sviluppo

Organizzazioni internazionali di cooperazione allo sviluppo

Come le istituzioni governative, offrono consulenza per la predisposizione, la realizzazione e il monitoraggio di progetti di sviluppo localizzati su specifici territori dei paesi in via di sviluppo. Gestiscono inoltre in autonomia interventi per i quali realizzano specifiche campagne di raccolta fondi.

Società editoriali e di documentazione geografica

Si occupano di rappresentazione cartografica utilizzando metodi di misura in-situ e da remoto e sistemi di analisi geo-informatici e della comunicazione di informazioni e conoscenze geografiche in ambito scolastico, divulgativo e turistico.

Percorso Formativo
Formazione e sviluppo professionale
C'è un percorso formale?

La professione non è regolata da nessuna specifica normativa e non vi sono quindi percorsi formali di accesso alla professione.

C'è un percorso consigliato?

Corsi di laurea magistrali

Per diventare GEOGRAFO il percorso consigliato è di carattere universitario. Dopo un primo percorso triennale di tipo geografico o nell’ambito delle materie umanistiche o naturalistiche è consigliato un percorso di laurea magistrale specifico in Geografia.

L’Università di Torino propone, in particolare un percorso in GEOGRAFIA E SCIENZE TERRITORIALI.

Come si sviluppa la carriera?

Lo sviluppo della carriera è legato al contesto di lavoro e alla progressione prevista dal contratto applicato. In termini professionali si tratta di solito di una carriera collegata all’aumento delle responsabilità e delle funzioni di coordinamento e direzione di intervento. Il GEOGRAFO sviluppa la sua carriera anche in riferimento ad una crescita di specializzazione e di expertise.

Naviga

Scarica