Esperto contabile, Esperta contabile

Carta d'identità
Chi è?

L’ESPERTO CONTABILE è la figura professionale che:

svolge un’attività di servizio e consulenza rispetto alla tenuta e redazione dei libri contabili, fiscali e del lavoro, controllo della documentazione contabile, revisione e certificazione contabile di associazioni, persone fisiche o giuridiche diverse dalle società di capitali. Elabora e predispone le dichiarazioni tributarie e cura gli ulteriori adempimenti tributari.

In particolare, può occuparsi di:

a) tenuta e redazione dei libri contabili, fiscali e del lavoro, controllo della documentazione contabile, revisione e certificazione contabile di associazioni, persone fisiche o giuridiche diverse dalle società di capitali;

b) elaborazione e predisposizione delle dichiarazioni tributarie e cura degli ulteriori adempimenti tributari;

c) rilascio dei visti di conformità, asseverazione ai fini degli studi di settore e certificazione tributaria, nonché esecuzione di ogni altra attività di attestazione prevista da leggi fiscali;

d) la funzione di revisione o di componente di altri organi di controllo contabile (sempre che sussistano i requisiti di cui al decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 88, il controllo contabile ai sensi art. 2409-bis del codice civile);

e) la revisione dei conti, sempre che sussistano i requisiti di cui al decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 88, nelle imprese ed enti che ricevono contributi dallo Stato, Regioni, Province, Comuni ed enti da essi controllati o partecipati;

f) il deposito per l'iscrizione presso enti pubblici o privati di atti e documenti per i quali sia previsto l'utilizzo della firma digitale, ai sensi della legge 15 marzo 1997, n. 59 e del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e loro successive modificazioni;

f-bis) l'assistenza fiscale nei confronti dei contribuenti non titolari di reddito di lavoro autonomo e di impresa, di cui all'articolo 34, comma 4, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

L'elencazione fatta non pregiudica l'esercizio di ogni altra attività professionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili ad essi attribuiti dalla legge e/o da regolamenti.

Quali norme regolano la professione?

Per l’esercizio della professione di ESPERTO CONTABILE occorre ottenere l’Abilitazione mediante iscrizione alla sezione B dell’Albo Professionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. Per poter sostenere l’Esame di Stato occorre aver conseguito un diploma di laurea nella classe 17 o nella classe L 18 (scienze dell'economia e della gestione aziendale), nella classe 28 o nella classe L 33 (scienze economiche), e aver svolto un periodo di praticantato di almeno 18 mesi presso un DOTTORE COMMERCIALISTA e/o ESPERTO CONTABILE iscritto all’Albo da almeno 5 anni e che abbia assolto all’obbligo della formazione continua nell’ultimo triennio. È necessario superare l'Esame di Stato entro 5 anni dalla conclusione del tirocinio, pena la decadenza del valore di quest'ultimo.

È stato predisposto un Codice deontologico a cura del CNDCEC - Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, scaricabile dal sito dell’Ordine Dottori Commercialisti di Torino alla pagina:

http://www.odcec.torino.it/norme_e_regolamenti/codice_deontologico

Figure professionali di prossimità

Dottore commercialista , Revisore legale 

Livello EQF

VI livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al primo ciclo dei titoli accademici

Carta d'identità
Carta di Identita

L’ESPERTO CONTABILE è la figura professionale che:

svolge un’attività di servizio e consulenza rispetto alla tenuta e redazione dei libri contabili, fiscali e del lavoro, controllo della documentazione contabile, revisione e certificazione contabile di associazioni, persone fisiche o giuridiche diverse dalle società di capitali. Elabora e predispone le dichiarazioni tributarie e cura gli ulteriori adempimenti tributari.

In particolare, può occuparsi di:

a) tenuta e redazione dei libri contabili, fiscali e del lavoro, controllo della documentazione contabile, revisione e certificazione contabile di associazioni, persone fisiche o giuridiche diverse dalle società di capitali;

b) elaborazione e predisposizione delle dichiarazioni tributarie e cura degli ulteriori adempimenti tributari;

c) rilascio dei visti di conformità, asseverazione ai fini degli studi di settore e certificazione tributaria, nonché esecuzione di ogni altra attività di attestazione prevista da leggi fiscali;

d) la funzione di revisione o di componente di altri organi di controllo contabile (sempre che sussistano i requisiti di cui al decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 88, il controllo contabile ai sensi art. 2409-bis del codice civile);

e) la revisione dei conti, sempre che sussistano i requisiti di cui al decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 88, nelle imprese ed enti che ricevono contributi dallo Stato, Regioni, Province, Comuni ed enti da essi controllati o partecipati;

f) il deposito per l'iscrizione presso enti pubblici o privati di atti e documenti per i quali sia previsto l'utilizzo della firma digitale, ai sensi della legge 15 marzo 1997, n. 59 e del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e loro successive modificazioni;

f-bis) l'assistenza fiscale nei confronti dei contribuenti non titolari di reddito di lavoro autonomo e di impresa, di cui all'articolo 34, comma 4, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

L'elencazione fatta non pregiudica l'esercizio di ogni altra attività professionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili ad essi attribuiti dalla legge e/o da regolamenti.

Dove Lavora

L’ESPERTO CONTABILE può lavorare in:

Studio di liberi professionisti Studi associati e società di servizi rivolti alle imprese
Aziende Società profit o non profit in qualsiasi ambito produttivo o di servizi (agricoltura, industria, commercio, terziario) e di qualsiasi dimensione

STUDIO DI LIBERI PROFESSIONISTI

Gli Studi dei Dottori Commercialisti e Esperti Contabili possono ospitare uno o più professionisti. In questo caso spesso i professionisti organizzano il lavoro dello studio per tipologia di cliente, per settore economico o per specializzazione nelle diverse attività.

 

AZIENDE

L’ESPERTO CONTABILE può svolgere la sua attività anche presso imprese, spesso nell’area amministrativa, collaborando con il Direttore Amministrativo.

Percorso Formativo
Formazione e sviluppo professionale
C'è un percorso formale?

Per l’esercizio della professione di ESPERTO CONTABILE occorre ottenere l’Abilitazione mediante iscrizione alla sezione B dell’Albo Professionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. Per poter sostenere l’Esame di Stato occorre aver conseguito un diploma di laurea nella classe 17 o nella classe L 18 (scienze dell'economia e della gestione aziendale), nella classe 28 o nella classe L 33 (scienze economiche), e aver svolto un periodo di praticantato di almeno 18 mesi presso un DOTTORE COMMERCIALISTA e/o ESPERTO CONTABILE iscritto all’Albo da almeno 5 anni e che abbia assolto all’obbligo della formazione continua nell’ultimo triennio. 

C'è un percorso consigliato?

È consigliabile conseguire una laurea triennale ad indirizzo economico-aziendale.

Come si sviluppa la carriera?

Si accede alla professione attraverso il tirocinio di 18 mesi presso uno studio di Dottore commercialista o Esperto Contabile. Le attività di ingresso svolte da un PRATICANTE ESPERTO CONTABILE sono prettamente operative.

Una volta superato l’esame di Stato, il praticante acquisisce il titolo di “Esperto Contabile”.

A questo punto può iniziare un’attività in proprio. Sovente, tuttavia, continua a lavorare, con Partita Iva, presso lo studio nel quale ha svolto il tirocinio, fino a che l’esperienza acquisita ed il portafoglio clienti sono tali da consentirgli di mettersi in proprio o associarsi ad altri professionisti.

In generale, acquisite le basi per l’esercizio della professione, l’attività tende a specializzarsi su contenuti specifici.

Naviga

Scarica