Direttore artistico, Direttrice artistica

Carta d'identità
Chi è?

Il DIRETTORE ARTISTICO ha la responsabilità di delineare il programma di una compagnia teatrale, di un teatro, di una rassegna o di un festival.

Attraverso la programmazione artistica si comunica la specifica identità del teatro, museo o rassegna che sia: è definire una linea di azione pratica e artistica che servirà per selezionare il cartellone della stagione.

E’ un’attiva a forte contenuto creativo in cui il DIRETTORE ARTISTICO si avvale della collaborazione di una molteplicità di altre professioni più tecniche e specialistiche come registi, direttori di produzione, attori, sceneggiatori.

Quali norme regolano la professione?

Non vi sono norme specifiche che regolano la professione. Non vi sono albi professionali e/o titoli specifici per accedere alla professione.

Figure professionali di prossimità

Direttore di produzione, Regista, Sceneggiatore, Direttore della programmazione

Livello EQF

VI livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al primo ciclo dei titoli accademici

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici

Carta d'identità
Carta di Identita

Il DIRETTORE ARTISTICO ha la responsabilità di delineare il programma di una compagnia teatrale, di un teatro, di una rassegna o di un festival.

Attraverso la programmazione artistica si comunica la specifica identità del teatro, museo o rassegna che sia: è definire una linea di azione pratica e artistica che servirà per selezionare il cartellone della stagione.

E’ un’attiva a forte contenuto creativo in cui il DIRETTORE ARTISTICO si avvale della collaborazione di una molteplicità di altre professioni più tecniche e specialistiche come registi, direttori di produzione, attori, sceneggiatori.

Dove Lavora

Il DIRETTORE ARTISTICO può lavorare in:

  • Teatri
  • Compagnie teatrali, musicali
  • Scuole teatrali, musicali
  • Produzioni cinematografiche
  • Enti pubblici
  • Fondazioni private
per la realizzazione di eventi culturali quali festival o rassegne o per la definizione del programma di un teatro o di una compagnia

Il DIRETTORE ARTISTICO è un professionista che in genere è scelto tra persone dotate di lunga esperienza nel settore dell’organizzazione artistica e gestionale.

Percorso Formativo
Formazione e sviluppo professionale
C'è un percorso formale?

Non esistono norme o leggi specifiche che regolano la professione, non sono richiesti titoli di studio specifici, abilitazioni, iscrizioni al albi o periodi minimi di pratica professionale obbligatori.

C'è un percorso consigliato?

Non c’è una formazione specifica; generalmente bisogna essere competenti delle attività culturali che si è chiamate/i a dirigere, le quali, però, possono essere di svariati tipi - musicali, teatrali, cinematografiche, ecc.- e richiedere quindi una formazione di base polivalente.

Le lauree più indicate sono quelle umanistiche. La formazione avviene tuttavia sul campo, anche se può rivelarsi utile aver frequentato il corso di Laurea in DAMS (Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) o in Scienze della Comunicazione.

Alla laurea può seguire una specializzazione di settore, avendo però una formazione di base che può permettere creatività, capacità di coordinamento e di organizzazione.

Come si sviluppa la carriera?

L’esperienza in questa professione è fondamentale. Le prime esperienze di lavoro spesso sono legate all’organizzazione di singole serate musicali o teatrali a livello più o meno amatoriale. Lo sviluppo della carriera è determinato dalla capacità di farsi conoscere nell’ambiente e costruirsi occasioni per la direzione di teatri o eventi sempre più prestigiosi, con un respiro regionale, nazionale o internazionale.

Naviga

Scarica

Video